Cos’è il capitale in corso?

Il concetto di capitale in corso di per sé è piuttosto semplice: si tratta dell’importo che l’impresa deve ancora rimborsare, al netto degli interessi e delle svalutazioni. Ciononostante, è importante capire correttamente in che modo il capitale in corso viene calcolato, poiché tale calcolo può risultare più complesso di quanto possa apparire e potrebbe in alcuni casi generare confusione. 

Lo scopo di questo articolo è chiarire le modalità con le quali il capitale in corso viene visualizzato all'interno del portafoglio e quali elementi vengono presi in considerazione per il suo calcolo.

Dove e come viene mostrato il capitale in corso?

Il capitale in corso può essere visualizzato in due aree della pagina portafoglio: Riepilogo e Prestiti.

La sezione Riepilogo permette di visualizzare l’importo totale del capitale in corso, calcolato sulla totalità dei progetti ai quali hai prestato denaro.

Puoi anche visualizzare l’importo del capitale in corso per ciascun progetto all’interno della sezione Prestiti. Il primo esempio qui sotto mostra il capitale in corso per un progetto i cui rimborsi sono regolari, mentre il secondo esempio mostra il capitale in corso per un progetto con un ritardo di pagamento inferiore a 30 giorni (prosegui con la lettura del prossimo paragrafo per una spiegazione più dettagliata dell’impatto che dei default hanno sul capitale in corso).

Esempio 1

Esempio 2

Qual è l’impatto dei progetti in default sul capitale in corso e come ciò si riflette sui guadagni

I progetti in default hanno un impatto sul capitale in corso. In caso di default applichiamo una svalutazione del capitale in corso, la quale aumenta all’aumentare dei giorni di ritardo. Maggiore è il ritardo di pagamento da parte dell’impresa, minori sono le possibilità che il pagamento venga regolarizzato.

Per quale motivo applichiamo questa svalutazione? Semplicemente, perché è il modo più efficace per avere immediatamente sotto controllo lo stato del tuo portafoglio October in ogni momento.

A titolo di promemoria, ai progetti in default vengono applicate le seguenti svalutazioni:

  • prestiti con ritardo inferiore a 30 giorni (progetti gialli): 40% di svalutazione;
  • prestiti con ritardo compreso tra 30 e 120 giorni (progetti arancioni): 80% di svalutazione;
  • prestiti soggetti a procedure di concordato o con ritardo superiore a 120 giorni: 100% di svalutazione.

Per informazioni più dettagliate in merito alle modalità con le quali i progetti in default vengono gestiti e visualizzati nel portafoglio, ti consigliamo di leggere questi tutorial.

Il capitale in corso è progressivamente ridotto all’aumentare della svalutazione. È importante considerare che le le svalutazioni e i rimborsi anticipati hanno un impatto non soltanto sul capitale in corso, ma anche sul tasso interno di rendimento (TIR).

Noterai che queste svalutazioni possono generare una diminuzione dei guadagni nella tua pagina portafoglio. Ciò è dovuto al fatto che la diminuzione del capitale in corso viene considerata come una potenziale perdita, la quale ha un impatto negativo sui tuoi guadagni.

Ciononostante, devi tenere a mente che si tratta soltanto di una previsione, e che anche in caso di default è sempre possibile ottenere il recupero parziale o addirittura totale del credito. Inoltre, se gli altri progetti del tuo portafoglio non sono soggetti a default, il tuo guadagno continuerà ad aumentare, riducendo progressivamente le perdite. Ciò naturalmente richiede un’adeguata diversificazione del tuo portafoglio.

Evitare confusione nel calcolo del capitale in corso

Nonostante il concetto di capitale in corso sia una nozione piuttosto semplice, il modo con cui è calcolato può talvolta trarre in inganno e generare confusione. Vediamo perché.

Quando verifichi l’esattezza del capitale in corso per ciascuno dei tuoi progetti, potresti essere tentato di sottrarre il capitale già ricevuto dal totale prestato al progetto. In questo caso il risultato è sempre errato, poiché i rimborsi sono composti non soltanto da capitale, ma anche da una parte di interessi. Come abbiamo precisato all’inizio di questo tutorial, il capitale in corso tiene conto unicamente del capitale, e non degli interessi e delle svalutazioni.

Per calcolare correttamente il capitale in corso devi sottrarre l’importo degli interessi dal totale dell’importo già ricevuto, dopodiché sottrarre il totale dei rimborsi dal totale del prestito iniziale.

Facciamo un esempio. Prendendo in considerazione il progetto mostrato più sopra, il quale presenta una svalutazione del 40%, il capitale in corso deve essere calcolato nel modo seguente:

prestito iniziale - capitale rimborsato - svalutazione = capitale in corso

Puoi anche consultare il capitale in corso di un progetto direttamente all’interno del contratto di finanziamento iniziale. Per sapere come ottenere il contratto di finanziamento, puoi consultare questo tutorial.

Ora calcoliamo il capitale in corso totale del tuo portafoglio, considerando che il progetto menzionato sopra è l’unico che presenta una svalutazione del 40%. Per farlo, puoi dare un’occhiata alla sezione Saldo: 

Il prestito iniziale è di 580€, mentre il capitale rimborsato (esclusi gli interessi) è pari a 201,76€, ai quali dovrai aggiungere la svalutazione del 40% (5,98€). Il capitale in corso totale sarà quindi: 

580 - 201,76 - 5,98 = 372,26€

Qualora avessi dubbi o volessi ulteriori chiarimenti su come calcolare il capitale in corso del tuo portafoglio, non esitare a contattarci all’indirizzo [email protected].

Did this answer your question?